Abramo in valle Bormida

Il tridente "egizio-luvio-ittita" di Nettuno


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il July 19, 2003 at 12:40:09:

In risposta a: Ercole sul Monterosa-Uni-Giunone-IQNA-HRLB
Inviato da Mauro il July 19, 2003 at 11:36:31:

Sempre nello specchietto di Ercole abbiamo
dietro Giunone, un poco sulla destra, Nettuno
che tiene in mano la didascalia.

E' presente anche il famoso TRIDENTE di Nettuno
(altrimenti non sapevamo che era lui...). Siamo
nella casella centrale della mappa egizia di
sessanta caratteri, il "doppio santuario del
nord" (Monviso-Cervino) che si differenzia da
quello del sud (Etna-Vesuvio) per il suo simbolo
a forma di TRIDENTE.

E' un simbolo che compare anche nei sigilli
imperiali ittiti. All'inizio e' aperto ed e'
parte del nome imperiale Hattusili. Poi viene
chiuso in alto. In questo senso la sua
evoluzione nel geroglifico "fungo" (il "grande
re") e' sempre da vedere con i due caratteri
etruschi primordiali CE (quelli uguali al
simbolo cuneiforme KI, il determinativo del
territorio):

CE, la C (il simbolo egizio della casa, la parte
alta del fungo) e la E, il tridente

In particolare la C chiude il tridente in alto
facendolo diventare un "fungo". La mia idea e'
che l'Anatolia-Turchia sia il punto di arrivo
delle tre strade che partono dalle Alpi (la E
del simbolo tridente che diventa un tridente
chiuso). Le tre strade convergono dove nasce la
nuova lettera C-casa, la nuova capitale in
Turchia (dove il "fungo", il "grande re", viene
adottato come simbolo imperiale).

Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/


Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: