Abramo in valle Bormida

Numero 3 sumero, KUR-montagna cuneiforme


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il June 05, 2003 at 15:48:43:

In risposta a: Tizio e Caio, faraoni predinastici!
Inviato da Mauro il June 05, 2003 at 15:45:45:

Il segno cuneiforme della montagna proviene dal
numero 3 sumero, tre pallini.

Quando e' diventato foneticamente KUR? E'
immediato pensare alle tre montagne-conoidi dei
fegati-mappa, una cosa notoriamente assiro-
babilonese-semitica. Se lo consideriamo G-R
abbiamo il numero 3 semitico usando la
numerazione A=1 (con G=3) e il suo rovescio
(A=22, con R=3). E' sufficiente anche il numero
G-3 accompagnato da "hR" come montagna, le "tre
montagne".

Una questione cruciale e' quella che questo
numero 3 viene adesso identificato come KUR ma
non esiste da nessuna parte che fosse veramente
cosi' nella prima epoca sumera. Era il numero 3
e chissa' come pronunciavano questo numero.

Succede pero' che abbiamo iscrizioni
antichissime a cui vengono associate per
comodita' di trascrizione queste fonetiche
successive. Quando leggete KUR significa che e'
il numero 3 sumero. Sarebbe piu' corretto
riportare "questo e' il segno che
successivamente, in un altro contesto storico-
geografico, viene chiamato KUR".

Halloran ipotizza che tale fonetica provenga da
KI e UR messi insieme (territorio-montagna) e
questo diventa ancora piu' legato ai tre monti-
conoidi dei fegati-mappa rendendo ancora piu'
difficile che potesse essere veramente KUR la
fonetica originale del numero 3 sumero.

In una iscrizione questo segno viene tradotto
come "conquistatore", o meglio "CONQUEROR",
termine inglese in cui possiamo notare CON-QUER-
OR, il QUER, KUR, dentro di lui. La prima cosa
sarebbe quella di esultare dicendo che il
termine inglese e' collegato a quello sumero...
ma non e' detto che sia cosi' e magari i primi
Sumeri quel segno lo chiamavano in tutt'altro
modo.

Nel sito indicato da Mercurio questa frase ha
qualcosa a che fare con la mia ipotesi, sebbene
non sia d'accordo sulla parola "assorbimento"
vista la semiticita' primordiale di molte cose
sumere e quanto dice Semerano sulle radici
semitiche-akkadiche europee:

http://www.celticworld.it/cultura/documenti04.htm

"i Sumeri ritenuti misteriosamente scomparsi
dalla Storia o assorbiti dagli ebrei secondo
qualche tesi di costoro, siano in realta' gli
Etruschi"

Non voglio pero' negare il collegamento con il
Medioriente, tutt'altro. A me interessava far
notare come siano i numeri-lettere semitici a
essere stati la base culturale comune diffusa in
tutto il territorio. E sono anche le solite cose
che portano tutti a pensare alle solite
migrazioni senza che questi migranti
stabiliscano qualcosa di concreto o vengano
ricordati storicamente da qualcuno di quelli
rimasti in Medioriente. L'idea che gli episodi
biblici siano mediorientali e' la base delle
conoscenze attuali, e tutte le date sono state
calcolate su questa ipotesi (tutte li' le
dinastie babilonesi e dei loro vicini, e quelle
sumere messe prima perche' altrimenti non si
saprebbe dove metterle). Se continuiamo a
considerare il mondo semitico come una cosa
di "pastori del deserto mediorientale" non ci
capiremo mai nulla (vedi per esempio nel sito
indicato come si dica che i Celti abbiano
adottato alcune parole semitico-akkadiche
semplicemente a causa di scambi commerciali).

Ho divagato abbastanza... fatemi concentrare sul
numero 3. Per esempio se l'ittita HATTUSILIS nel
suo nome avesse il 3 biblico ("s-L-s"),
significa che per noi sarebbe HATTU-TRE,
un "atreo". Oppure, possiamo notare subito che
KUR (il segno 3 sumero) come TRE ha K=T (e i
Siciliani dicono la T come "CH"). Ci sono poi
gli Egiziani che usano il 3 come plurale... e
questi Egiziani sembrano essere gli unici che
possono darci qualche sicurezza storica. Il
quinto faraone della prima dinastia sconfigge i
trogloditi che loro chiamano INDIO, INTIO, e nel
suo quarto anno avviene la "numerazione di tutta
la gente dei nomi dell'ovest, del nord e
dell'est". La festa di SOKAR e' gia presente fin
dalla prima dinastia, e via dicendo... grandioso
questo libro di Breasted... nel tredicesimo anno
del faraone Neterimu della seconda dinastia
ecco qualcosa di "sumerico", avviene un "hacking
up of the city SHEM-RE" e subito dopo
un "hacking up of the city 'house of the north'"
(e tutte queste informazioni provengono dalla
SICILIA, sono i testi della famosa "pietra di
Palermo" con l'elenco dei primi faraoni).

Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/


Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: