Abramo in valle Bormida

Quando IN.KI divenne ISIN (asino)


Elenco dei messaggi

Inviato da: Mauro il May 07, 2002 at 02:37:08:

Ecco un altro passaggio fondamentale (JCS 30,
pagina 168):

"in two recent studies, D.O. Edzard and
J.N.Postgate have independently proposed that the
geographical name IN.KI, attested in the pre-UR
III texts, is to be identified with ISIN"

Abbiamo il passaggio dalla "regione IN" (il segno
sumero KI-citta', IN come Noe'-Iuno-Anu) al
prefisso "s" della lingua semitica:

s-N, "che e' IN"

C'e' anche un qualcosa di "bifrontale" che fara'
piacere a Carlo:

"Edzard analyzed the UR III spelling IN.SI.KI,
IN.SI.IN.KI e IN.SI.IN-na.KI (in genitive) as the
syllabic equivalents of insin/issin, while
Postgate treated the same forms as part-
logographic and part-syllabic writings, impliying
thereby that in those examples IN has the value
isin. Still more recently, Edzard, G. Farber and
E. Sollberger read IN.KI as isin.KI but, at the
same time, they considered the Sargonic form
IN.SIN.KI to be a syllabic spelling and retained
the reading I(n)sin in the heading. We can see,
however, that none of these interpretations is
fully satisfactory"

Insomma, la lettura "bifrontale" (quella definita
LCSS da Carlo) esiste e ne sono la prova le
scritte "IN.SI.IN.KI" che risalgono almeno al
periodo UR III.

Il fatto che poi diventi SIN, ISIN, potrebbe
anche essere un'indicazione per leggere
modernamente questo genere di scritte dal centro
verso l'esterno:

IN.SI.IN, "s-IN"
GEN.AR.GEN.TU, "Argentu"
D.V.D (Davide), "Veda"

Saluti,
Mauro
http://www.cairomontenotte.com/abramo/



Messaggi correlati:



Oggetto:

Commento: